Una misura indipendente della finanza e del benessere in Italia

La piattaforma che rende disponibile in maniera libera e trasparente il rating comunale degli ultimi dieci anni.

METODOLOGIE

Analisi bilancio

La valutazione lato bilancio è stata basata su una metodologia della famosa agenzia di rating Moody’s. Tale metodologia si basa sulla valutazione del rischio intrinseco o fondamentale di un ente locale denominato BCA. Il BCA non è altro che una misura creditizia da parte dell’ente e in quanto tale non tiene conto del supporto straordinario da parte di un ente per prevenire situazioni di inadempienza finanziaria (default). Il punteggio di rating viene assegnato attraverso uno Scorecard BCA , che va ad aggregare e comparare una serie di dati statistici e variabili qualitative classificabili in sei categorie. Si valutano in totale ventuno variabili per ciascuna emittente, e la loro posizione (“rating”) sarà la conseguenza di una media ponderata dei punteggi di ogni singola categoria a cui viene pre determinato un peso. Il punteggio ottenuto dalla singola categorie è anch’esso ottenuto grazie a una media ponderata dei punteggi degli indicatori che servono a formarlo, avendo a disposizione per ogni indicatore delle fasce di assegnazione di punteggio preimpostate. Nell nostro caso, dato che gli indicatori di riferimento sono diversi da quelli presi in considerazione da Moody’s, la creazione dei punteggi è stata la conseguenza dell’analisi delle statistiche descrittive e delle diverse distribuzioni di frequenza di ogni indicatore per ogni singolo anno di raccolta a disposizione. Il punteggio di rating può variare da 1(punteggio migliore) a 15 (punteggio peggiore).

Analisi benessere

La valutazione lato benessere ha comportato una fase preliminare in cui si è andati a scegliere gli indicatori che più si correlavano al fenomeno, in cui ad ognuno venivano associate una serie di variabili. Il passo successivo è stato quello di andare a valutarne completezza, affidabilità e aggiornamento al fine di effettuare una normalizzazione delle stesse, fase indispensabile alla realizzazione dell’analisi, che consiste nel limitare l'escursione di un insieme di valori entro un certo intervallo predefinito effettuata essenzialmente su due misure: popolazione residente e superficie. Alcuni indicatori presentavano variabili con rilevazioni temporali diverse, quindi poiché il tema trattato è il benessere, che come sappiamo è formato da misure che non vengono raccolte periodicamente, l’estrazione si è basata, per le variabili precedentemente citate, solo per l’ultimo anno disponibile. In seguito, grazie alla normalizzazione ottenuta , è stato possibile andare ad assegnare il punteggio di rating al singolo comune, che come nel caso finanziario presenta una scala di valori da 1 a 15. Tale misurazione è stata possibile effettuarla utilizzando una tecnica di analisi multi-variata denominata 'Analisi delle componenti Principali' ,che ha come obiettivo la diminuzione di uno o più variabili che spiegano il fenomeno in alcune latenti .Tale tecnica si avvale essenzialmente di due parametri: n ( numeri individui che nel nostro caso sono i comuni) e k (numero variabili quantitative che nel nostro caso sono le singole variabili che servono a formare l'indicatore).Il procedimento è stato reiterato per tutti gli indicatori a disposizione tenendo sempre a mente l'obiettivo finale che era quello di ottenere una misura globale di benessere per ogni singolo comune. Tale misura non sarà altro che una media tra tutti i punteggi ottenuti dal singolo comune ottenuti dall'analisi del singolo indicatore.